News
Explora
Dottrina
Strumenti
Fonti
26 gennaio 2022 N. 27 - IVA UE
Non è possibile detrarre l'IVA "incorporata" in un servizio esente

Recentemente la Corte di Giustizia UE ha affrontato una particolare questione collegata alla rivalsa dell'IVA e alla detrazione della stessa.

Il caso riguarda un'operazione considerata e fatturata (erroneamente) esente dal prestatore per la quale il committente intendeva detrarre l'IVA ritenuta "incorporata" nel prezzo corrisposto.

Secondo i Giudici comunitari, nel caso di specie, non sussiste il diritto di detrarre l'imposta in quanto la stessa non può essere considerata "assolta" / "dovuta".

Merita evidenziare che l'Amministrazione fiscale non ha attivato il recupero dell'IVA in capo al prestatore in considerazione del "legittimo affidamento" maturato in capo a quest'ultimo, a seguito dell'imponibilità derivante dal nuovo orientamento comunitario.

L'IVA su servizi erroneamente ritenuti esenti non può essere considerata "dovuta" / "pagata" in quanto non evidenziata in fattura e non addebitata a titolo di rivalsa. Il committente del servizio non può quindi esercitare la detrazione, anche perché nessuna azione tendente al recupero dell'imposta...

Documenti correlati
Il tuo sistema intelligente di aggiornamento professionale
Non sei ancora abbonato?
Non sei ancora abbonato?